di:  

true detective

True Detective, torna la serie cult per gli amanti del crime

Saranno i ghiacciai dell’Alaska ad ospitare la quarta stagione di True Detective, serie thriller soprannaturale scritta da Nick Pizzolato e lanciata nel 2014 da HBO. Questa volta i detective Danvers e Navarro dovranno indagare sulla sparizione di sei uomini dalla stazione di ricerca sull’Artico di Tsalal

True Detective 4: un nuovo caso tra i ghiacciai dell’Alaska

Quando cala la lunga notte d’inverno a Ennis, in Alaska, i sei uomini che gestiscono la stazione di ricerca sull’Artico di Tsalal svaniscono senza lasciare traccia. Per risolvere il caso, le detective Liz Danvers ed Evangeline Navarro dovranno affrontare l’oscurità che portano dentro di loro e scavare nelle verità infestate che giacciono sepolte sotto il ghiaccio eterno”.

È il comunicato stampa della nuova e quarta stagione di True Detective, una delle serie Tv più amate e di maggior successo degli ultimi decenni. Questa volta, la storia (che andrà in onda a dicembre dell’anno prossimo) si dipana tra il gelo, la neve e l’oscurità della cittadina fittizia di Ennis, in Alaska, a circa 150 miglia a nord del circolo polare artico. Una location insolita per la celebre serie televisiva targata HBO, che nelle tre stagioni precedenti si è svolta in luoghi più caldi e assolati, come Louisiana, California e Arkansas.

Ma per un netto ritorno al soprannaturale, dalle tinte fosche (così sembrerebbe dal brevissimo trailer lanciato dell’emittente televisiva), serviva un’ambientazione ancor più cupa, estrema ed inquietante. Non a caso, il sottotitolo della quarta stagione è Night Country, “il paese della notte”.

Otto anni dopo il primo successo

La prima stagione di True Detective, scritta da Nick Pizzolato e uscita il 12 gennaio 2014, è quella più famosa ed ha portato al successo la coppia di investigatori Rustin Cohle e Martin Hart, interpretati da Matthew McConaughey e Woody Harrelson. Questa volta la nuova coppia di detective è tutta al femminile e sarà interpretata da Jodie Foster, nei panni del tenente Liz Danvers, e Kali Reis, ad indossare le vesti dell’ex soldatessa Evangeline Navarro.

La serie, girata dalla messicana Issa López e prodotta dal regista Barry Jenkins, con Jodie Foster, è orfana per la prima volta del suo creatore Pizzolatto.

A distanza di otto anni, la prima stagione, ambientata negli spazi aperti e paludosi della Lousiana (intrisa di filosofia pessimista e nichilista) è quella che ha ricevuto più consensi da parte di critica e pubblico, numerosi premi e riconoscimenti. La seconda stagione, ambientata a Los Angeles, dalle atmosfere decisamente più cupe e claustrofobiche, non ha ricevuto lo stesso successo. Infine, con la terza, abbiamo assistito ad un ritorno alle ambientazioni torbide e rurali della prima stagione, ottenendo di nuovo il gradimento del pubblico.

Ora vedremo cosa succederà nella quarta serie, che, secondo le immagini e il teaser lanciato da HBO, promette tinte fosche ed atmosfere decisamente elettrizzanti.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

    La tua email *

    Numero di cellulare

    Nome *

    Cognome *

    Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto

    *

    Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto