di:  

controlli a distanza

La struttura del reato

Struttura del reato e formazione della teoria della bipartizione e tripartizione

Il reato è un fatto giuridico umano vietato dall’ordinamento giuridico di uno Stato e a cui si ricollega una sanzione penale.

E’ possibile distinguere la nozione di reato dal punto d vista formale e dal punto di vista sostanziale. Nel primo caso è reato il fatto umano nei confronti del quale l’ordinamento giuridico ricollega una sanzione penale; Invece, dal punto di vista sostanziale il reato è ogni fatto definibile come socialmente pericolo. 

Il soggetto attivo del reato si riferisce al soggetto/i che si rende artefice di un comportamento vietato dalla legge. Di contro, il soggetto passivo è la vittima richiamandosi all’interesse che la norma intende tutelare e che risulta leso dal comportamento umano.

I reati si distinguono in due categorie, quali, i delitti puniti con le pene della reclusione e della multa e le contravvenzioni punito con l’arresto e l’ammenda.

La valutazione della struttura del reato ha condotto alla creazione della teoria della tripartizione e alla teoria della bipartizione.  Secondo la teoria della tripartizione il reato si suddivide in tre distinti elementi, ossia, il fatto, l’antigiuridicità che coincide con il verificarsi si un azione contraria a quanto stabilito dall’ordinamento e la colpevolezza.

La teoria della bipartizione suddivide il reato in un elemento oggettivo e soggettivo. L’elemento oggettivo comprende:  la condotta definita quale azione in contrasto con la legge penale; l’evento e il nesso causale relativamente all’azione posta in essere e le conseguenze da essa causate.

L’elemento soggettivo del reato si scompone in: colpa, dolo e preterintenzione.  La colpa si verifica  quando vi è l’assenza di volontà dell’agente e si verifica a causa di negligenza, imprudenza o imperizia o per inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline.

Il reato è doloso quando l’evento dannoso o pericoloso è dall’agente previsto come conseguenza della sua azione. Infine, è preterintenzionale quando dalla condotta dell’agente deriva un danno più grave di quello effettivamente voluto (art. 43 c.p.).

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto