IL MAGAZINE DEDICATO ALLE
INVESTIGAZIONI & SCIENZE FORENSI

di:  

parco giochi

Risarcimento danni, chi paga se un bimbo si fa male in un parco giochi?

Risarcimento danni: il gestore del parco giochi è sempre responsabile?

Capita non di rado che un bambino utilizzando scivoli e giostre di vario genere possa cadere o inciampare in un parco giochi.

In prima battuta, si penserà subito ad una richiesta di risarcimento danni al titolare della struttura, che a seconda dei casi può essere un Ente pubblico o anche un soggetto privato.

Se la caduta si verifica a causa di imperfezioni o inesattezze degli strumenti utilizzati, il danneggiato potrà chiedere un risarcimento danni al proprietario del parco giochi per mancata o non idonea sicurezza degli attrezzi.

Le giostre presenti in un parco divertimenti per bambini potranno, pertanto, risultare difettose se utilizzate in maniera conforme alla loro destinazione d’uso ma non sufficientemente sicure per l’utilizzatore.

Il proprietario dell’area giochi dovrà, dunque, garantire un luogo privo di pericoli e non risponderà del danno arrecato solo quando avrà obiettivamente adoperato tutte le misure di sicurezza necessarie alla tutela degli utenti, ivi comprese, interventi di manutenzione ordinaria e/o eventuali riparazioni.

Se il danno o la caduta risulta causata da un difetto di fabbrica dell’attrezzo il titolare potrà, conseguentemente, rivalersi nei confronti del costruttore stesso.

La responsabilità dell’Ente pubblico o del soggetto privato, si ricava ai sensi dell’art. 2051 del codice civile (Danno cagionato da cosa in custodia). Secondo cui: Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito”.

La responsabilità potrà essere esclusa solo se l’interessato sia in grado di fornire la prova del caso fortuito, cioè di un evento naturale, imprevedibile ed eccezionale.

La Cassazione ha fornito chiarimenti anche relativamente la posizione dei genitori. Ciascun accompagnatore avrà il dovere di vigilare sul comportamento del minore, valutando con la dovuta diligenza gli eventuali rischi derivanti dall’utilizzo di determinati giochi.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp