di:  

Investigazioni, simula incidente e durante la malattia lavora in nero

 I dirigenti dell’aeroporto di Genova hanno ingaggiato un investigatore privato per smascherare un dipendente che da quattro mesi era a casa in infortunio e lavorava in nero
Assenteismo, abuso della legge 104, falsa malattia, sono casi molto diffusi in Italia: una piaga per imprese e Pubblica Amministrazione difficile da arginare. Così, sempre più di frequente, titolari e manager d’azienda si affidano a un’agenzia di investigazioni privata nel momento in cui sospettano che uno dei propri dipendenti stia raccontando il falso. Tuttavia, a volte episodi di questo genere assumono i contorni grotteschi di una commedia dei fratelli Vanzina.
È il caso di un operatore dell’aeroporto Cristoforo Colombo di Genova, che dopo aver simulato un incidente stradale in moto, con tanto di falsi testimoni, è rimasto a casa da lavoro per ben quattro mesi in cui nel frattempo ha prestato servizio in nero da un’altra parte.
L’uomo, un 47enne di Chiavari, è stato smascherato da un investigatore privato a cui si sono rivolti i dirigenti dell’aeroporto, che dopo mesi di assenza hanno cominciato a sospettare della veridicità delle affermazioni del proprio dipendente. Infatti, dopo aver pedinato l’uomo, il detective ha scoperto che, oltre a non essere infortunato, in quei mesi di malattia aveva prestato regolarmente servizio per conto delle pubbliche assistenze collegate al 118 del Golfo del Tigullio. 
Nel momento in cui si è mossa anche la polizia di Frontiera, si è iniziato a sospettare che l’operatore aeroportuale si fosse inventato tutto, perfino l’incidente. Gli agenti hanno scoperto che al pronto soccorso gli furono riscontrate contusioni ad una gamba guaribili in 5 giorni, perciò rimane poco chiaro come mai sia potuto rimanere a casa per quattro mesi. Nel banco degli indagati sono finiti i sanitari del pronto soccorso e il medico di famiglia colpevoli di aver avvallato il falso. Inoltre, poco chiara risulta anche la versione di una donna che avrebbe affermato di aver assistito all’incidente. In questo caso è emerso che durante l’accaduto il suo cellulare risultasse agganciato ad una cella di Recco.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto