IL MAGAZINE DEDICATO ALLE
INVESTIGAZIONI & SCIENZE FORENSI

di:  

Addebito della separazione se il coniuge si dichiara single sui social

Addebito della separazione per il marito che lede l’onore della moglie  dichiarandosi libero pubblicamente

Va premesso che la mera violazione da parte di uno dei coniugi ai doveri nascenti dal matrimonio (art. 143 c.c.) non rappresenta una causa sufficiente a giustificare una pronuncia di addebito della separazione nei confronti dell’altro coniuge. Pertanto, sarà inevitabile valutare se detta violazione sia stata l’unica causa della crisi matrimoniale.

L’indagine , dunque, dovrà focalizzarsi nel capire se la violazione sia intervenuta nel corso di una rottura  del vincolo matrimoniale o sia stata la causa generatrice.

Dal matrimonio deriva l’obbligo alla fedeltà, il suo venir meno rappresenta la causa più ricorrente di addebito della separazione.

Secondo un consolidato principio giurisprudenziale, in tema di infedeltà coniugale, l’addebito della separazione non si evince esclusivamente nel caso di tradimento in senso stretto ma anche in condotte  tali da ledere la dignità e l’onore dell’altro coniuge (Cass. n.8929/2013 – Cass. n.21657/2017).

Recentemente il Tribunale di Palmi con la sentenza n. 6/2021 giustifica l’addebito della separazione in capo al marito che  in una fase di unione familiare si dichiara single tramite i social.

Nel caso di specie, a seguito di una valutazione complessiva degli elementi acquisiti, significativa risulta proprio la definizione del marito come “single”.

La dichiarazione “pubblica” non dimostra concretamente l’esistenza di una relazione extraconiugale ma si evince da ciò, un comportamento offensivo per la reputazione e la dignità della propria moglie.

Aldilà della possibilità che  il marito si sia reso responsabile o meno di un tradimento, non può negarsi che il fatto in sé abbia assunto connotazioni esteriori tali da compromettere l’onere del coniuge.

Rendere, quinidi, manifesta una situazione sentimentale non veritiera, ovverosia,  dichiarare di essere “scapolo” invece che coniugato,  risulta inammissibile con un fidato  vincolo matrimoniale e in quanto tale causa di addebito della separazione.

Addebito della separazione: il concetto di fedeltà

L’obbligo reciproco alla fedeltà si sostanzia non soltanto nell’evitare comportamenti adulterini ma quale impegno a consolidare un’unione sincera con il proprio partner e di fiducia reciproca.

Il suo concetto, tuttavia, dovrà essere intenso in senso ampio, quale nozione che si avvicina a quella della lealtà accompagnata  da una consapevolezza individuale che non si rilevi in conflitto con  le dovute scelte matrimoniali.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp